lunedì 6 ottobre 2008

Non farti influenzare



L’influenza è uno dei più classici esempi di come sia possibile trasformare una malattia sostanzialmente “innocua” in un business internazionale.

Vi fornisco alcune informazioni (ricordate? essere informati è la base di una buona gestione della propria salute) a supporto di questa mia affermazione.

Innanzi tutto, l’influenza è una virosi da sempre riconosciuta come innocua (seppur fastidiosa); colpisce ogni anno mediamente il 10-15% della popolazione ed ha un esito spontaneo di guarigione in pochi giorni. Solo una volta ogni circa 50 anni il Virus assume una “virulenza” (appunto) più forte, realizzando la cosiddetta “pandemia”. Solo se la pandemia corrisponde ad un momento igienicamente sfavorevole (vedi la “spagnola” che ha seguito la prima guerra mondiale) gli effetti possono essere catastrofici.



Come tutte le malattie infettive, in soggetti predisposti può indurre complicanze che rendono la malattia più “importante”, soprattutto nei cosiddetti “soggetti a rischio”: tali soggetti sono però altrettanto a rischio nei confronti di tutte le altre forme virali caratteristiche del periodo autunno invernale.

Queste virosi sono causate da oltre un migliaio di virus differenti, che possono causare le cosiddette “forme influenzali” (respiratorie e/o intestinali) alle quali siamo esposti da settembre ad aprile; il classico virus dell’influenza si colloca invece dai primi di gennaio alla fine di marzo.

Il vaccino antinfluenzale è composto dagli antigeni (molecole che vengono riconosciute dal sistema immunitario per innescare una risposta) di tre ceppi virali: due di questi sono sempre gli stessi ogni anno (corrispondono a ceppi di due virus pandemici del secolo scorso), mentre il terzo varia di anno in anno, secondo indici di “probabilità” che vengono decretati per lo più a tavolino.
Quindi: non è vero che il vaccino antinfluenzale corrisponde alla forma virale dell’anno che verrà, perchè quella forma sarà conosciuta solo dopo Natale: il vaccino corrisponde ad una “probabilità statistica” di protezione.

I dati relativi all’importanza ed all’efficacia preventiva del vaccino sono gestiti in piani “elitari” dagli esperti clinici (accreditati) in virologia ed epidemiologia; gli stessi vertici redigono le statistiche di quanti si sono ammalati e di quanti non si sono ammalati grazie al vaccino. Non si riesce a capire da dove possano provenire queste statistiche (tipo: il 92,6% dei vaccinati non si è ammalato), perché da nessuna parte vengono redatti database tali da supportare tali statistiche.

Ammesso che il vaccino sia fortemente protettivo nei confronti del virus influenzale, non lo è assolutamente nei confronti di tutti gli altri virus responsabili delle forme pseudo-influenzali (che sono il 90% di tutte le forme che si verificano nel periodo settembre-aprile).

E’ assolutamente evidente di come la gestione della campagna vaccinale (che frutta milioni di Euro ai produttori dei vaccini) sia abbondantemente “influenzata” (il termine calza davvero a pennello) dai mass media, che in tempi e modi ben determinati provvedono a distribuire campagne promozionali sull’utilità del vaccino antinfluenzale, come se fosse l’unico, vero rimedio per affrontare l’inverno. Addirittura l’ultimo trend è il seguente: vaccinate i bambini per proteggere i nonni (che, tra parentesi, “devono” essere vaccinati anch’essi).

Negli ultimi anni ci si è spinti oltre: in due diverse occasioni sui mass media sono state organizzate campagne informative magniloquenti su malattie “virtuali” e di bassissimo impatto (SARS, influenza aviaria o virus dei “polli”), che, guarda caso, hanno contribuito ad un incremento strepitoso del ricorso di massa alla vaccinazione antinfluenzale.

Ovviamente, come per tutti i vaccini, ci viene fornita l’informazione che il vaccino è privo di rischi ed effetti collaterali, ma (anche in base alla letteratura scientifica), le cose potrebbero essere lievemente diverse…

Detto tutto questo aggiungo: “a buon intenditor…”.

“Fare” una malattia invernale è una situazione che periodicamente è assolutamente normale: se comunque vuoi cautelarti e proteggerti ti do alcuni semplici consigli che, se vuoi, puoi adottare per il tuo periodo autunno-invernale:

- metti la canottiera (;-));
- prendi della Vitamina C di estrazione naturale: 500-1000 mg tutte le mattine (3 volte al giorno in caso di raffreddore o sintomi influenzali);
- bevi molta acqua anche d’inverno;
- assumi, in via preventiva, un preparato omeopatico tipo Oscillococcinum (o uno dei suoi molti analoghi): chiedi al tuo medico come utilizzarlo (se lo sa, ti dirà le modalità di assunzione, se non lo sa consigliagli di informarsi…);
- infine, ovviamente, non farti troppo “influenzare” da giornali e telegiornali.

Ciao da Gianguglielmo Bergamaschi

16 commenti:

  1. Mi trovi assolutamente d'accordo!!
    Business e sempre business muovono questi "influenti" mercati con relativi messaggi subliminali...
    Come diceva mia nonna, l'influenza se la curi, guarisci in una settimana, ma se non la curi, ti passa in una settimana :-)
    E'tanto bello avere un pò di tempo per coccolarsi quando si è ammalati... ciao un abbraccio dal cuore Simone.

    RispondiElimina
  2. Inevitabilmente i nostri interessi dovevano convergere verso una visione totale dove ricchezza vera è anche ricchezza di denaro ma è insieme qualcosa di più, è ricchezza di risorse, nel senso di consapevolezza del proprio potere sulla materia.
    Quindi come si può imparare a gestire in modo diverso la propria condizione economica, a rapportarsi in modo migliore alle finanze, così si può imparare a gestire la propria salute.
    Si, anche la nostra salute dipende dalla mente.
    E' proprio un rapporto con la materia, che la nostra mente può, e deve, imparare a gestire.

    Ciao, Gennaro
    ottimo post
    Eleonora
    www.natiperesserefelici.com

    RispondiElimina
  3. Scusate, ho scritto di fretta.
    "I nostri interessi" intendevo gli interessi dei nostri blog, in quanto non conosco Gianguglielmo, e il saluto ho proprio sbagliato: spero Gianguglielmo non se la sia presa.

    Resta il fatto che il suo articolo mi è piaciuto molto, condivido pienamente l'impostazione e la problematica.
    ciao
    Eleonora
    www.natiperesserefelici.com

    RispondiElimina
  4. ciao Josè, ho finito ora di leggere il terzo e-book...ti dirò che a me non ha suscitato nè rabbia ne paura...sarà perchè la maggior parte degli argomenti trattati già li conoscevo, o perchè da quando evito di guardare i telegiornali sto decisamente meglio...chissà...io già mi accorgo delle cose che materializzo e non sono poche...solo non riesco a gestire completamente i miei pensieri, non ancora...e per questo non vedo l'ora di proseguire il tuo persorso! attendo il quarto e-book (ma l'hai finito?) e per ora continuerò a seguirti sul blog.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  5. Post spettacolare e in perfetto stile RicchezzaVera: denuncia della disinformazione e contro-informazione con applicazione pratica!

    Grazie Giangu!

    Grazie Daniela,
    sto scrivendo ancora il quarto ebook, comunque il posto giusto per inserire i commenti al terzo ebook è questo, mentre quello per i commenti in generale è questo.

    1abbraccio a tutti
    Josè

    RispondiElimina
  6. Per Eleonora: se me la prendessi per una cosa del genere non sarei qui tra voi...
    Grazie (anche a Simone e Josè) per i feedback positivi.

    abbracci Giangu

    RispondiElimina
  7. Confermo:con Oscillococcinum l'influenza è un BRUTTO ricordo!

    RispondiElimina
  8. posso copiare e incollare mettendo il tuo nome nel mio myspace?
    almeno la facciamo girare che troppa gente si fa INFLUENZARE dall'influenza...

    RispondiElimina
  9. Ciao info,
    per me va bene, ma leggi prima attentamente quanto scritto in questo articolo di Robin Good sui contenuti duplicati.

    1abbraccio
    Josè

    Ps
    mi fai sapere il link dopo che l'hai messo?

    RispondiElimina
  10. ti ho lasciato il messaggio con il link che mi avevi chiesto, ma vedo che non è postato ancora, se non lo hai ricevuto, dimmelo che lo rimetto subito!
    ciao.
    ah dimenticavo ho ricevuto il secondo passo verso la ricchezza...adesso lo vado a divorare :D

    RispondiElimina
  11. non ho ricevuto nulla!
    attendo il tuo commento sull'ebook allora!
    1abbraccio
    Josè

    RispondiElimina
  12. questo è il link del blog

    riguardo al secondo e-book che dire, ti punterei una pistola per costringerti a farmeli leggere tutti senza aspettare DUE settimane per ogni libro!

    ps anche se siamo fuori tema, volevo proporre un post dove poter indicare ognuno tutti i libri che per lui sono serviti e servono alla crescita economica e spirituale.
    ciao ciao

    RispondiElimina
  13. Ciao Giovanni,
    non funziona il link!
    L'attesa aumenta il piacere!
    :-)
    mandami pure le recensioni dei libri che ti sono piaciuti e te le pubblico (scrivimi in privato).
    In alternativa, puoi usare i commenti.
    Josè

    RispondiElimina
  14. Caro Josè sono d'accordissimo e infatti questo è il terzo anno che prendo Oscillococcinum. Tra l'altro, lavorando a contatto col mondo farmaceutico, ti posso dire che hai pienamente ragione. Purtroppo, visto che siamo umani e quindi amiamo contraddirci, ti dirò che quest'anno il vaccino l'ho fatto. Ebbene sì. Siccome l'inverno scorso mi sono ammalata molto e sono stata molto male, quest'anno ho ceduto alla tentazione, pur consapevole pienamente di tutto ciò che hai detto e sapendo di alimentare un'industria "malata" (ehehehe). Poi, per punizione divina, mi ammalerò lo stesso, ma che ci vuoi fare. Ciao!

    RispondiElimina
  15. Ciao Petunia!
    A parte il discorso fatto da Giangu, di cui tu sei solo la conferma, io ti suggerisco di leggere un libro straordinario: Ogni sintomo è un messaggio di Claudia Rainville.

    Credo che la metamedicina sia l'unica scienza che spiega come agire sulle cause e non sugli effetti (che inizialmente, per me, vanno sempre curate, anche con i medicinali).

    1abbraccio
    Josè

    RispondiElimina

Lascia pure il tuo commento, ma fai ATTENZIONE perchè questo blog è stato trasferito qui:
RicchezzaVera.com/blog

Ti aspettiamo tutti dall'altra
parte!
:-)