martedì 6 gennaio 2009

Canale Visivo, Uditivo, Cinestetico: Vedere le cose come vorresti che fossero


Visivo, Uditivo, Cinestetico

Ciao! :) Come ti ho scritto nel precedente post, diversi anni fa, scoprii che se a più persone dici di pensare ad una NAVE, alcune immagineranno una fotografia di una nave, altre ad una nave in movimento, altre addirittura riusciranno a sentire il rumore delle onde che si infrangono sullo scafo ed altre ancora, ne sentiranno addirittura i tipici odori (ad esempio del boccaporto).

Nella PNL (programmazione neuro linguistica) è noto che le persone si dividono in

  • VISIVE
  • UDITIVE
  • CINESTETICHE

A seconda che percepiscano la realtà dando maggior risalto ad un senso, piuttosto che un altro.

E' da chiarire che tutti possiedono tutte e tre queste modalità, per cui la suddivisione è meramente didattica.

Il punto su cui voglio concentrarmi è che di fronte ad uno stesso identico episodio, corrispondono infinite interpretazioni diverse a seconda dei filtri di chi osserva.



Quindi, alcuni scienziati si chiedono se a vedere quella cosa siano gli occhi o sia il cervello.

Si chiedono se a toccare quella cosa siano le mani o se sia il cervello.

Si chiedono se a percepire l'odore di quella cosa sia il naso o se sia il cervello.

Si chiedono se a gustare quella cosa sia la lingua o se sia il cervello.

Quello che ci interessa è capire cosa c'è in mezzo, tra l'0rgano sensoriale (occhi, naso, bocca, pelle) ed il cervello che riceve da quell'organo l'impulso elettrico.

Tra queste due cose ci sono una serie di filtri e - come si diceva tra i commenti al precedente post - questi filtri sono diversi e personalissimi per ogni persona.

Questi filtri, sono la risultante delle nostre conoscenze, dei nostri traumi, delle nostre emozioni e - importantissimo - delle regole già presenti nel DNA che abbiamo accettato nel momento in cui siamo entrati nel corpo.

Quindi, andando ad operare su alcuni di questi elementi (conoscenze e credenze), otterremo una modifica in altri (emozioni e DNA) e quindi cambieremo anche i filtri.

Morale della favola?
La realtà non è oggettiva, ma è ricreata nel cervello, dopo che è passata per i filtri.
Modificando i filtri, si modifica quindi la realtà.

Per fortuna i filtri sono soggetti al nostro potere e possiamo disporne a piacimento, quindi, come ha scritto Luigi di Salvo nei commenti al post precedente:

"visto che abbiamo la possibilità di scegliere il significato da dare agli eventi e quindi l'aspetto su cui puntare il nostro focus, consiglio sempre di vedere le cose come vorresti che fossero ed attivarti per renderle tali"

Quindi, più che convincerti di cose di cui non sei convinto - il classico "io sono ricco" - io credo sia fondamentale abituare la propria mente a cogliere sempre il positivo che è nascosto in ogni evento (e puoi scommetterci che c'è sempre).

Quindi, l'ideale è raggiungere uno stato in cui appena vedi un 'dramma' che mina la tua stabilità, subito ti scatta come una molla la domanda:

"qual'è il messaggio positivo nascosto in questo evento?"

oppure

"dov'è l'opportunità?"

o ancora

"in che modo Dio mi sta aiutando, mettendomi di fronte a questa esperienza?"

anche se in quest'ultimo caso dovresti anche aver interiorizzato il Principio Universale per cui Dio predispone sempre tutto per il tuo benessere, anche quando in apparenza non è così (e su questo, posso ancora una volta garantire per esperienza :-) ).

Se devo dirla tutta, la domanda precisa che mi faccio io è:

"perchè ho scelto di vivere questa esperienza? che dovevo imparare?"

Ok, anche questa volta non ho detto quello che volevo dire, ma certamente non posso fare un post di 10 pagine, quindi ti saluto e ti anticipo che su questo argomento intendo scrivere tra domani e dopodomani un nuovo post, quindi, come al solito, resta sintonizzato (perchè non avviserò la lista via email)!
;-)
1abbraccio
Josè

ps
come al solito, puoi lasciare qui in basso il tuo commento...
;-)

Pps
Sei già entrato nel Laboratorio www.laboratorioinfoprodotti.com ?
chi ha toccato con mano ne ha percepito lo spessore!
:-D

15 commenti:

  1. Ciao Josè :-)
    Bel post complimenti e, alla fine, mi hai messo la curiosità di vedere cosa vuoi dire..!?

    Vorrei solo aggiungere che i nostri filtri sono anche dovuti ai condizionamenti sociali, familiari e sopratutto religiosi.
    Per il resto, condivido tutto pienamente...

    Per Simona: hai letto nell'altro commento che anche io ho visto la tua stessa astronave..!
    Ma per me, più che un fattore di cinestesia, sono i miei passati da fricchettone ;-)

    Un saluto a tutti :-)

    RispondiElimina
  2. Ciao Simoni!
    :-P
    Grazie per i commenti, io credevo fosse inteso che mi riferivo anche ai condizionamenti sociali, familiari e religiosi, comunque hai fatto bene a precisarlo
    ;-)
    1abbraccio
    Josè

    RispondiElimina
  3. Anche io cerco di vedere il lato positivo di quello che mi accade, e in un modo o nell'altro si risolve sempre in meglio. Se mi accade una cosa che "credo" brutta, cerco di pensare alla soluzione e cosa significa. Se non trovo risposta semplicemente: me ne frego, non ci penso, aspetto finchè non arriva la soluzione.

    Prima invece mi concentravo con tutto me stesso su quello che era successo pensando a tutte le cose brutte portava quella data situazione nella mia vita. risultato: peggiorava ancora di più.

    Invece da quando mi fermo e mi "tiro fuori" dal corpo lasciando perdere emozioni e tutto ciò che potrebbe influenzarmi dico: Perchè? Cosa ho scelto che mi ha portato fin qui?

    Però cambiare i propri Filtri non è certo una cosa facile, perchè si ha a che fare con se stessi. E se ci metti le credenze, il sitema, la religione...siamo a posto.
    Una cosa ho notato da tempo. Quando cominci a VEDERE quello che ti accade con distacco e in un altro modo, si tende spesso all'isolamento. Nel senso che si cerca sempre di stare di più con se stessi forse per "paura" di tornare a pesare dinuovo come il gregge :D

    quancuno diceva: è più facile dominare un impero che se stessi :D
    sono uscito forse off topic, ma mi andava di rendervi partecipi del mio pensiero :D

    Buona giornata!

    RispondiElimina
  4. Il messaggio positivo nascosto dietro gli eventi "disastrosi" lo si percepisce sempre dopo, quando hai "imparato" da quell'esperienza...Questo perchè la razionalità ci fà vedere solo un aspetto delle cose, quello più immediato, ovvio, evidente. Per scoprire il vero significato delle cose, degli eventi, bisogna andare oltre, là dove "a caldo" il 'conscio' difficilmente riuscirà a vedere....Forse a mente serena, col "senno di poi", magari risulterà più facile. Ovviamente questo è solo il mio modesto parere!Baci. Mimì(AH! a proposito!Perchè :-P al Titanic?! Non era poi così malaccio!!!!!:-)Vabbè, scherzi a parte, il mondo è bello perchè è vario, anche nei gusti!!)Ciao ciao!:-D

    RispondiElimina
  5. Ciao ero nel blog di Andrea "la fiera del pensiero" e mi sono detta vai a sbirciare nei blog che lo seguono ....sono entrata qui e incuriosita e mi sono fermata a leggere questo post....complimenti!!!
    Se posso intervenire...
    Io in genere cerco di vedere il lato positivo in ogni cosa o in quello che avviene intorno a me (sono ottimista).
    Quando capita un avvenimento triste o poco decifrabile cerco di capire e adoperarmi affinchè riesco a superare l'ostacolo.
    E cmq il "cervello" è ciò che ci permette di apprezzare i filtri....
    Vorrei aggiungermi alla tua box blogger se ti fa piacere...e se interessato puoi aggiungerti alla mia....
    Attendo risposta....
    Ti lascio una buona serata..ciao ciao Paola

    RispondiElimina
  6. Ciao Paola, benvenuta su Ricchezza Vera!

    Se ci sei arrivata via blog, significa che probabilmente hai saltato la pagina principale che è RicchezzaVera.com.

    In realtà è negli ebook che ci sono scritte le cose veramente importanti, e sono gli ebook il vero filo conduttore del blog.

    Mi fa piacere che ti sia piaciuto il post, non ho capito che intendi per 'box blogger', intendi che desideri uno scambio link?

    per me non c'è problema, avvertimi quando mi hai inserito che ricambio volentieri.
    :-)
    1abbraccio
    Josè

    RispondiElimina
  7. Ciao Josè, non posso fare a meno di dirti, anche se rischio di ripetermi, che sei uno straordinario comunicatore. Riesci a rendere piacevolmente facili anche le cose più serie e profonde.
    Bravissimo.
    Un abbraccio col Cuore.
    Hadraniel

    RispondiElimina
  8. La parola nave mi fa pensare subito a qualcosa di imponente, la vedo enorme, che galleggia sul mare blu,e vedo anche le persone piccole piccole che si affacciano.......
    io ho deciso di migliorare la mia vita cercando di trarre vantaggio da situazioni poco piacevoli e a volte particolarmente dure da digerire specie in campo lavorativo. Per far questo bisogna non farsi trascinare dall'emotività e dominarla e nel frattempo attivare i canali razionali e fermarsi ad analizzare il tutto. In poche parole, cambiare atteggiamento che non significa certo che tutto va bene e che i problemi non esistono. Studio la PNL da un bel pò e attravesrso questa scienza ho scoperto i vari collegamenti con altre discipline e devo dire che ho imparato a cambiare punto di vista, in meglio.
    Josè, non so se sei d'accordo, ma sarebbe molto bello se su questo blog si potese affrontare e approfondire questo argomento.
    Consiglio a tutti di avvicinarsi a questa materia.
    Riguardo l'ultimo e-book: bellissime le voci dell'audio (quindi anche quella tua) mentre per il contenuto devo dire che gli argomenti trattati non mi hanno sconvolto più di tanto perchè ho sempre immaginato l'esistenza di poteri che comandano da dietro le quinte, però devo dirti che sei riuscito a rendere il tutto abbastanza fluido e di facile comprensione e questa è certamente una dote che hai.
    Volevo chiederti: come mai hai deciso di affrontare questi argomenti, avresti mai pensato di sollevare tanto interesse in rete?
    Forse ti ho chiesto troppo.
    Comunque sia......
    Ciao

    RispondiElimina
  9. Grazie mille Hadraniel, è un complimento bellissimo!
    :-)

    Ciao Enza, domani credo che posterò un altro articolo su questo argomento 'realtà soggettiva'.
    :-)

    La PNL è una mia vecchia passione, ma lo sviluppo spirituale è uno step successivo allo sviluppo personale che ti fa fare la PNL.

    Ad ogni modo, ogni tanto si parla anche di PNL qui... hai mai letto gli articoli di Genna?

    Ero convinto che avrei sollevato interesse, altrimenti non l'avrei fatto!
    :-)
    1abbraccio
    Josè

    RispondiElimina
  10. Ciao Josè, nel leggere il tuo post, mi è venuta in mente questa bellissima frase dello scrittore Vaclav Havel , che ho letto qualche giorno fa e che mi ha illuminato: "La speranza non è la convinzione che qualcosa andrà a buon fine, ma la certezza che quel qualcosa abbia un senso, indipendentemente da come andrà a finire". Insegna a cercare il significato in ogni cosa, non il risultato specifico. Così facendo, paradossalmente, l'esito finale si avvicinerà molto a quello che si desidera.
    Un sorriso per te, Claudia

    RispondiElimina
  11. Ciao Claudia, grazie per li contributo, la frase è molto bella.

    Io non vado tanto d'accordo col concetto di speranza.

    A me da tanto l'idea di una NON certezza e non padronanza del mio destino...

    che ne dici?

    RispondiElimina
  12. Devo dire che in effetti da quando il mio desiderio od obbiettivo già vive in me dentro il mio cuore , sento un bambino che mi chiama mamma e mi volto, oppure vedo un bambino che gioca sul pavimento nel salotto mentre stò cucinando, oppure mi sale nel letto quando mio marito è al lavoro, mi fa vedere i suoi giocattoli e addirittura mi dice che li devo aggiustare perchè si sono rotti e si mette a pianere .......
    incredibile cosa fa l'immaginazione !!!!!
    Sono felice in quei momenti e a volte mi sento già mamma anche se è solo un sogno per il momento

    RispondiElimina
  13. I genere è il miglior modo per attrarsi le cose
    ;-)

    RispondiElimina
  14. io faccio una bella vita, guadagno dei bei soldi, e pian piano stò costruendo qualcosa che sò mi farà diventare ricco, ma c'è un problema, è quasi un anno che la mia ragazza mi ha lasciato, ho cercato in ogni modo di farmela passata, ho 32 anni sono davvero un bel ragazzo eppure ogni volta che guadagno soldi o faccio qualcosa di bello il mio pensiero finisce su di lei, non sò più cosa fare, cerco di riempirmi di cose positive di non pensarci, di fare finta di niente, ho letto the secret, ho letto il segreto della legge di attrazione, eppure sò che essermela fatta scappare è stato lo sbaglio più grosso della mia vita che devo fare?

    RispondiElimina

Lascia pure il tuo commento, ma fai ATTENZIONE perchè questo blog è stato trasferito qui:
RicchezzaVera.com/blog

Ti aspettiamo tutti dall'altra
parte!
:-)